Georgia “Peaches” Larkin Poe su Rockin’ e Inkin’

Di Jon Chattman, Direttore dell’intrattenimento

Foto di Peter Roessler

Foto di Peter Roessler

Foto di Peter Roessler

Per parafrasare Bob Marley, la cosa migliore della musica è quando ti colpisce, non provi dolore. Ultimamente, tuttavia, la maggior parte della musica che suona sul quadrante della tua radio (mi sto frequentando qui ma lo capisci), è calorie vuote: canzoni che vanno giù facilmente, ma hanno poca sostanza. Questo non vuol dire che lo stesso si possa dire al di fuori del territorio terrestre. Se lo cerchi, le tue orecchie troveranno la qualità. È ovunque nei servizi di streaming, che si tratti di canzoni di un affermato indie rocker o di un artista emergente che guadagna socialmente fan grazie al tweet. Da qualche parte tra i due ci sono Larkin Poe, un duo di sorelle di Atlanta (ora residente a Nashville), che in una parola, rock.

Rebecca e Megan Lovell sono relativamente nuove, ma sembra che siano in giro da sempre. Parte di ciò che li rende così bravi è che il loro suono rende omaggio agli eroi di quasi tutti i generi: un po’ di anima, un po’ di ringhio del sud, un po’ di rock, tutto autentico. Ho incontrato le sorelle, il cui bis-bis-bisnonno era un lontano cugino di Edgar Allan Poe (da cui il nome), e ho parlato del loro nuovo album dal titolo appropriato Peach, della loro evoluzione dal loro ultimo disco e, naturalmente , l’arte che abbellisce la loro pelle.

Rebecca Lovell

Rebecca Lovell

Parlami del processo di realizzazione di questo disco rispetto al precedente. L’ultimo ti ha fatto guadagnare un sacco di buzz (un guest spot su Conan, tra le altre cose) – come vai in studio ignorandolo e concentrandoti solo sulla musica?

Rebecca: È pericolosamente facile essere sopraffatti da pressioni interne/esterne quando cerchi di fare qualcosa di nuovo e reinventarti. Sento che praticamente tutti, ovunque, possono attestare questo fatto. Detto questo, facendo 'Pesca' è stata la cosa più divertente che io e mia sorella abbiamo mai avuto in studio. È il primo progetto che abbiamo'abbiamo autoprodotto e fatto i muscoli per assumerci questa responsabilità, e poi portare l’album al completamento, è stato un enorme potere per noi artisti.

Abbiamo perso un sacco di grandi della musica, e tu rendi omaggio sulla tua pagina Instagram, sembra ogni volta. Le perdite di così tante leggende tra i dischi, hanno influenzato l’album??

Megan: La vita è breve. La musica vive per sempre. Essere in grado di celebrare i ricordi di Tom Petty, Malcolm Young, Chuck Berry, Gregg Allman, Chris Cornell, Prince, David Bowie e tanti altri ascoltando la musica che hanno fatto mentre erano in vita su questa terra è incredibilmente potente. Ci ispira a continuare a spingere. Ispira me e Rebecca a continuare a creare onde sonore.

Il titolo dell’album è ovvio, ma dimmi comunque come ci sei finito. Non aveva niente a che fare con i Presidenti degli Stati Uniti' singolo “Peaches” degli anni ’90 I'sono sicuro.

Rebecca: Mentre "Pesche" dei Presidenti degli Stati Uniti è in effetti una canzone stupida… sorpresa, sorpresa: noi'ri dalla Georgia. Proprio come dice la canzone, è'è sempre nelle nostre menti. Noi'Sarò sempre pesche della Georgia."

Dal momento che siamo inchiostrati. I tatuaggi non lasciano mai la nostra testa. Parliamo del tuo. Quali sono stati i tuoi primi – hai sempre pianificato di prenderli o sono stati fatti al volo? Hai mai avuto esitazioni??

Megan: In realtà ci siamo fatti i nostri primi tatuaggi durante il tour in Inghilterra. Abbiamo avuto un giorno libero e abbiamo deciso di andare a tatuare. È stato abbastanza d’impulso. Mi sono fatta tatuare la forma A di un risonatore dobro sul retro del collo e Rebecca si è fatta tatuare una stella sulla parte anteriore di ogni spalla.

Dimmi il significato di ognuno dei tuoi tatuaggi e cosa dicono di te…

Megan: io'Sono un chitarrista slide da ora fino al giorno della mia morte, quindi il risonatore dobro sul retro del mio collo è abbastanza autoesplicativo. io'Ho anche la sagoma di un lupo e la sagoma di una foca all’interno delle mie braccia per rendere omaggio ai miei cognomi. Inoltre, Rebecca ed io condividiamo i tatuaggi abbinati: entrambi abbiamo il nostro fratellino'data di nascita di s tradotta in numeri romani. La famiglia viene sempre al primo posto.

Rebecca: Io'ho raccolto un bel po’ di tatuaggi. Mi sono tatuato le mani qualche anno fa dopo aver incontrato un pensionato di 80 anni della Royal Navy britannica. È finito in uno dei nostri spettacoli (un vero tosto) e si è fatto tatuare delle rondini su ciascuna delle sue mani. Mi ha detto che le rondini portano fortuna a tornare a casa sani e salvi dopo di te'sono stato in viaggio. Noi'viaggio costantemente e cerco di tornare a casa, quindi ho sentito che avrei potuto usare un po’ di quella fortuna nella mia vita.

Ho un cuore e un pugnale tradizionali in onore di Charles Bukowski's poesia "Il cuore che ride" sul mio avambraccio sinistro. Sul mio avambraccio destro, ho una mano tradizionale che tiene la carta dei tarocchi della morte per ricordarmi di non aver mai paura di distruggere il mio vecchio io artistico alla ricerca del mio nuovo io artistico. Ho anche "Memento mori" (sii ​​consapevole della morte) tatuato come un altro promemoria. La tua vita è la tua vita, sappilo finché ce l’hai.

Megan Lovell

Megan Lovell

Hai intenzione di ottenere di più? E quindi?

Rebecca: Assolutamente! Ma non posso mai parlare di tatuaggi con nessuno prima di averli fatti…'Sono terribile a mantenere i segreti, ma le idee per i tatuaggi sono l’unica cosa che tengo per me.

Il mondo è pazzo per non dire altro. Ti ispirerebbe mai a prendere l’inchiostro o è la motivazione sempre da un luogo di verità e arte??

Rebecca: Il mondo è completamente pazzo. Quella'Ecco perché tutti i miei tatuaggi sono legati alla musica, alle mie lotte artistiche o alla mia famiglia – le cose che mi tengono con i piedi per terra e in vita.

Video di Ehud Lazin